Martedì, 21 Aprile 2020 12:37

Coronavirus, dai ciechi un aiuto per la teledidattica scolastica

Il presidente regionale dell'Unione Minincleri, "La nostra esperienza per prevenire patologie legate all'uso degli schermi dei pc". Il lavoro della Stamperia Braille per lo studio a distanza per non vedenti e ipovedenti e l'assistenza psicologica. Il nodo dei finanziamenti

L'allarme era stato lanciato a Messina in un convegno dell'Uici del dicembre scorso: fasce sempre più ampie di giovani diventano ipovedenti per patologie legate all'uso massiccio degli schermi a luce blu.

E l'emergenza coronavirus e le disposizioni del Ministero dell'Istruzione sulla teledidattica, con gli studenti che devono trascorrere ore davanti al pc, hanno fatto riesplodere il problema.

"È ai nostri esperti dei Centri di consulenza tiflodidattica - sottolinea Gaetano Minincleri, presidente regionale dell'Unione italiana ciechi e ipovedenti -  che gli insegnanti curriculari si rivolgono con crescente preoccupazione anche per i rischi che corrono i loro allievi vedenti, che cominciano a mostrare segni, per esempio, di secchezza oculare. E noi cerchiamo di rassicurarli e indirizzarli al meglio in base all'esperienza da noi acquisita negli anni e alle collaborazioni con importanti strutture pubbliche di medicina sul territorio".

La fiducia del mondo della scuola nell'Uici e nella Stamperia Braille deriva dai decenni in cui quest'ultima istituzione ha sostenuto, stampando libri in braille e in large print, l'integrazione nelle aule prima di pochi non vedenti e poi di un numero sempre maggiore di ipovedenti. Questi ultimi, per avere idea della situazione, nel nostro Paese sono un milione e mezzo a fronte dei trecentosessantamila non vedenti. 

"Immaginerete i problemi - spiega Nando Sutera, responsabile del Centro di consulenza tiflodidattica, che serve Catania, Messina, Siracusa ed Enna - quando le scuole sono passate alla teledidattica. Lavoriamo venti ore al giorno anche perché non possiamo adottare soluzioni buone per tutti: ogni studente con problemi di visione ha bisogno che gli venga cucita addosso la teledidattica come un abito su misura. Ma grazie al grande senso di responsabilità degli insegnanti curriculari e di sostegno e degli assistenti alla comunicazione, che hanno un ruolo tecnico, riusciamo ad adeguare il materiale didattico alla condizione sensoriale del ragazzo facendo sì, per esempio, che un file di testo possa essere ascoltato usando la sintesi vocale. E con alcune famiglie stiamo lavorando anche alla realizzazione di video che possano alzare il livello del confronto sulla didattica a distanza e il sostegno".

"Abbiamo poi scoperto - aggiunge Minincleri, che è anche un ex docente - di poter essere utili anche in altro. Per esempio siamo ormai pronti a estendere anche alla scuola siciliana la rete di assistenza psicologica telefonica approntata per fronteggiare l'emergenza coronavirus. Insomma, stiamo consolidando una rete virtuosa dialogante sui bisogni di tutti gli studenti, siano essi non vedenti, ipovedenti o vedenti".

Il presidente Minincleri ha poi posto l'accento su due questioni particolarmente delicate: la carenza di dispositivi multimediali ed elettronici specifici per gli studenti in particolare con pluridisabilità e anche altro.

"I nostri governanti - ha sottolineato - continuano, giustamente, a ripeterci, che nessuno dev'essere lasciato indietro, soprattutto gli ultimi. Ma questo contrasta con le recenti voci di tagli a strutture come Uici e Stamperia Braille che, durante quest'emergenza, si stanno impegnando con tutte le loro forze perché il diritto all'uguaglianza tra cittadini sancito dalla Costituzione venga garantito".

Link Youtube dichiarazione presidente Minincleri

https://youtu.be/1ayWUGtSQN4

Link Youtube film teledidattica

https://youtu.be/YiHUxepdEN8

Link WeTransfer per scaricare filmati e dichiarazioni in alta risoluzione

https://wetransfer.com/downloads/73dfe101b5a234c8bb464b8d58256b0420200420151828/5c3b209f415cee13b5c5341a4c7dd86b20200420151911/c5bb47?utm_campaign=WT_email_tracking&utm_content=general&utm_medium=download_button&utm_source=notify_recipient_email  

Ufficio stampa

Giuseppe Lazzaro Danzuso

340.3711170

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Condividi la notizia
Letto 50 volte